POLITICA A TORTOTA:il gruppo NUOVA PROSPETTIVA contesta il sindaco e fissa gli obiettivi del voto 2020

10-08-2019

QUELLO CHE SI DICE DEL LUPO E’ CALZANTE PER I NOSTRI AMMINISTRATORI: PIUTTOSTO PERDONO I PELI MA NON IL VIZIO, QUELLO DI CONTRARRE MUTUI IN PROSSIMITA’ DELLE TORNATE ELETTORALI. NONOSTANTE LA RIGIDITA’ STRUTTURALE DEL BILANCIO COMUNALE SUGGERIREBBE UNA POLITICA DI COMPRESSIONE DEL DEBITO COMUNALE, AVENDO RAGGIUNTO LA CIFRA COMPLESSIVA DI ESPOSIZIONE DI CIRCA 8 ML DI EURO, CIRCA 1.330,00 EURO PROCAPITE, I NOSTRI IMPUDENTI AMMINISTRATORI CONTINUANO IMPERTERRITI AD INCREMENTARE IL DEBITO, PER QUANTO CI RIGUARDA, ESCLUSIVAMENTE PER FINI ELETTORALI, NELLA FATTISPECIE: PAVIMENTAZIONE DI MARCIAPIEDI ESISTENTI NELLA ZONA MARINA. LA LORO GIUSTIFICAZIONE: SERVE AL DECORO URBANO! IL NOSTRO PUNTO DI DOMANDA: MA SE QUESTE PAVIMENTAZIONI VENISSERO REALIZZATE IN ECONOMIA CON I DIPENDENTI COMUNALI, DURANTE TUTTO L’ANNO O GLI ANNI A DISPOSIZIONE, NON AVREBBERO COME RISULTATO LO STESSO DECORO URBANO! SECONDO LORO NO! EVIDENTEMENTE SPENDERE 380.000,00 EURO + 140.000,00 EURO DI INTERESSE PER UN MUTUO SPALMATO SU 25 ANNI, PER UN TOTALE COMPLESSIVO DI 520.000,00 EURO, HA TUTT’ALTRO RISALTO, VOLETE METTERE!!! (E IO PAGO! DISSE IL PRINCIPE ANTONIO DE CURTIS, DETTO TOTO’) (QUELLO CHE I CITTADINI E GLI OPERATORI TURISTICI DEVONO SAPERE) ESISTE UN PROGETTO GENERALE REDATTO NELL’ANNO 2000, DA PARTE DELLA REGIONE CALABRIA, RIGUARDANTE IL LITORALE DEL COMUNE DI TORTORA ED IN MODO PARTICOLARE IL TRATTO PIU’ VICINO AL FIUME NOCE, ESSENDO LA ZONA PIU’ A RISCHIO EROSIONE, PER UN IMPORTO COMPLESSIVO DI 4.000.000,00 DI EURO; IN 19 ANNI SONO STATI REALIZZATI INTERVENTI DI RIPASCIMENTO PER 418.800,00 EURO (1° LOTTO, ANNO 2001), 516.000,00 EURO (2° LOTTO, ANNO 2003) E 1.200.000,00 EURO (3° LOTTO, ANNO 2009). RIMANGONO ANCORA DA SPENDERE BEN 1.865.200,00 EURO (DEI 4.000.000,00 DI EURO PREVISTI). DA BEN DIECI ANNI NON SI EFFETTUANO PIU’ INTERVENTI SULLA SPIAGGIA DI TORTORA, NONOSTANTE QUESTI SIANO STATI PREVISTI CON LOTTI FUNZIONALI IN UN ARCO DI TEMPO RAVVICINATO PER EVITARE LA DISPERSIONE DEGLI EFFETTI POSITIVI RAGGIUNTI DAGLI INTERVENTI PRECEDENTI. RICORDANO IL LORO PROFUSO (IMPEGNO COMUNE) SOLTANTO IN OCCASIONE DELLE MAREGGIATE PER GIUSTIFICARE LA LORO INCAPACITA’ DI INTERFACCIARSI CON GLI ENTI PREPOSTI. NOI DICIAMO AGLI AMMINISRATORI CHE SONO QUESTE LE OPERE IMPORTANTI PER CUI VALE LA PENA SPENDERSI, MAGARI ANCHE CON SACRIFICI ECONOMICI, PERCHE’ RISULTANO VITALI PER L’ECONOMIA REALE DI UN TERRITORIO E DELLA SUA COMUNITA’. LA SPIAGGIA E’ UNA RISORSA STRUTTURALE FONDAMENTALE PER UN COMUNE A FORTE VALENZA TURISTICA COME IL NOSTRO E NON LA SI PUO’ TRATTARE CON SUPERFICIALITA’ O SOLO QUANDO GLI EVENTI NATURALI CI COSTRINGONO A FARLO, L’IMPEGNO DEVE ESSERE COSTANTE DURANTE TUTTO L’ANNO. SI ATTIVINO SERIAMENTE PER LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE GIA’ PREVISTE IN PROGETTO, EVIDENZIANDO ALLA REGIONE CALABRIA LA PROPRIA INADEMPIENZA, LA SALVAGUARDIA DELLA SPIAGGIA HA UNA PRIORITA’ ASSOLUTA. DAL 2015 AL 2019 LA PERCENTUALE DI RACCOLTA DIFFERENZIATA SI ATTESTA FRA IL 70/73% (QUANTO RIPORTATO NEI PEF APPROVATI) E NON RIESCE A RAGGIUNGERE IL TETTO DELL’80%, ORMAI DIVENTATA LA PERCENTUALE MEDIA PER UN SERVIZIO CHE SI PUO’ CONSIDERARE EFFICIENTE. NOI SPERIAMO SOLO NON SIA COLPA DEI CITTADINI, ANCHE PERCHE’, IN PASSATO, I MERITI QUANDO CI SONO STATI ERANO TUTTI DEGLI AMMINISTRATORI. IL PRINCIPIO DICE: E’ BENE DIFFERENZIARE, PERCHE’ MAGGIORMENTE DIFFERENZIAMO, MINORI SARANNO I COSTI DI GESTIONE E SMALTIMENTO, MINORE SARA’ IL DANNO AMBIENTALE CHE PRODURREMO. IMPUDENZA ED INCAPACITA’ AMMINISTRATIVA MARCIAPIEDI (DECORO URBANO A SCOPPIO RITARDATO) EROSIONE SPIAGGIA (SEMPRE PRONTI A GIUSTIFICAZIONI DI RITO) GESTIONE DIFFERENZIATA (IL CAVALLO DI BATTAGLIA SI E’ AZZOPPATO) IL LUPO PERDE IL PELO MA NON IL VIZIO 2 EBBENE, QUESTO PRINCIPIO LOGICO E’ STATO STRAVOLTO DAI NOSTRI VIRTUOSI AMMINISTRATORI. FACCIAMO DUE CONTI: NEL 2013 CON UNA PERCENTUALE DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEL 43,89% PAGAVAMO UNA SOMMA COMPLESSIVA DI GESTIONE E SMALTIMENTO DI 1.101.212,45 EURO, NEL 2019 CON UNA PERCENTUALE DEL 72,65% PAGHIAMO UNA SOMMA COMPLESSIVA DI 1.164.977,71 EURO, BEN 63.765,26 EURO IN PIU’; QUALCOSA IN QUESTO PRINCIPIO NON TORNA, E DOPO LA BEFFA ANCHE IL DANNO: IL TERRITORIO E’ DISSEMINATO DI RIFIUTI, BASTA INOLTRARSI IN STRADE POCO FREQUENTATE. IL CAVALLO DI BATTAGLIA FORSE SI E’ AZZOPPATO? CONTINUIAMO A FARE DI CONTO: NEL 2013 MEDIAMENTE UN’UTENZA DOMESTICA (UNA FAMIGLIA) SPENDEVA SU 100 MQ DI SUPERFICIE 145,00 EURO, NEL 2019 151,00 EURO; PER UN’UTENZA NON DOMESTICA (ATTIVITA’ COMMERCIALE, ARTIGIANALE, ECC…) MEDIAMENTE NEL 2013 SU 100 MQ DI SUPERFICIE SPENDEVA 292,30 EURO, NEL 2019 326,70 EURO. UN FALLIMENTO TOTALE!!! LA LORO RISPOSTA LA CONOSCIAMO: SE NON CI FOSSE STATO L’INCREMENTO DELLA PERCENTUALE AVREMMO SPESO DI PIU’; CHE GENI!!!. NEL FRATTEMPO L’INCREMENTO C’E’ STATO, IL RISPARMIO PER I CITTADINI NO!!! PER GIUSTIFICARE L’AUMENTO CONTINUO DEI COSTI NEI CONFRONTI DELL’OPINIONE PUBBLICA E’ SUFFICIENTE POSTARE SUI SOCIAL LA FOTO DI UN CESTINO PIENO DI RIFIUTI SUL LUNGOMARE, TANTO PER PRENDERE LA PALLA AL BALZO. (PATETICI) IL SINDACO NELL’ULTIMO CONSIGLIO HA VOLUTO TRANQUILLIZZARE TUTTI, COMUNICANDO LA SUA PROSSIMA CANDIDATURA A CONSIGLIERE COMUNALE, NON SI SA PERCHE’, FORSE HA VISTO GENTE DISPERATA INTORNO A SE, NOI IN TUTTA FRANCHEZZA NON AVEVAMO DUBBIO ALCUNO, AGGIUNGENDO CHE QUESTA VOLTA “SI ALLACCERA’ BENE LE SCARPE”, EVIDENTEMENTE TRAUMATIZZATO DALL’ESPERIENZA DEL 2005. MA, NOI VOGLIAMO UN ATTIMO SOFFERMARCI E FARVI RIFLETTERE SU QUESTA DICHIARAZIONE: “QUESTA VOLTA MI ALLECCERO’ BENE LE SCARPE”. E’ UN TERMINE CHE LASCIA INTRAVEDERE UN ATTACCAMENTO AL POTERE FUORI DAL NORMALE, FACENDOCI IMMAGINARE CHE FARA’ DI TUTTO PER ESSERCI, MA COSA FARA’? DIETRO QUEST’AFFERMAZIONE SI CELA UNA MENTALITA’ OBSOLETA DI VECCHIA POLITICA, NOI CI LIMITIAMO A DIRE CHE CONTINUERA’ IMPERTERRITO A PRENDERE IN GIRO I PROPRI CONCITTADINI, SPECIALMENTE IN QUESTI ULTIMI MESI DEL SUO MANDATO, FREGANDOSENE DEL FATTO CHE A VOLTE BASTA AVER OPERATO BENE, BASTA AVERE SODDISFATTO LE ASPETTATIVE DEI PROPRI CONCITTADINI PER AVERE IL LORO CONSENSO ED ESSERE RIELETTI. (ELEMENTARE, WATSON). C’E’ UN MOTTO CHE NON CADRA’ MAI IN DISUSO: COMANDARE E’ MEGLIO CHE ………………., IN PARTICOLAR MODO QUANDO E’ FINALIZZATO ESCLUSIVAMENTE AL MERO APPAGAMENTO DI SODDISFAZIONE PERSONALE. NOI CI SAREMMO AUGURATI UNA PRESA D’ATTO DEL PROPRIO FALLIMENTO POLITICO AMMINISTRATIVO, ANCHE PER CHIUDERE DEFINITIVAMENTE UN CAPITOLO DOLOROSO PER LA COMUNITA’ TORTORESE, REGREDITA, IN QUESTO VENTENNIO, IN OGNI ORDINE DI POSTO, AZZERANDO COMPLETAMENTE SIA LE SPERANZE DI UNA COMUNITA’ CHE IL DIALOGO ED IL CONFRONTO POLITICO CON LA CITTADINANZA E LE FORZE POLITICHE MINORITARIE, EVIDENTEMENTE L’IGNAVIA DI COMBUTTA CON L’INCOSAPEVOLEZZA GLI SUGGERISCONO DI PERSEVERARE. LA PROSSIMA TORNATA ELETTORALE LA NOSTRA COMUNITA’ DOVRA’ GIOCARSI FINALMENTE LA CARTA DEL CAMBIAMENTO, IL NOSTRO IMPEGNO SARA’ ANCHE QUELLO DI RESTITUIRE MORALITA’ E VALORI ALLA POLITICA. LA POLITICA DEVE ESSERE INTESA COME IMPEGNO CIVILE ED UMILE SERVIZIO IN FAVORE DELLA PROPRIA COMUNITA’, DEI PROPRI CONCITTADINI E DEL PROPRIO TERRITORIO. LA POLITICA SI DOVRA’ RIAPPROPRIARE DELLE ISTITUZIONI ATTRAVERSO IL CONFRONTO E LE SUE SCELTE, UN TERRITORIO PER SVILUPPARSI HA BISOGNO DI SCELTE POLITICHE CHIARE, FORTI, CONVINCENTI E CONDIVISE, LA NON SCELTA E’ DA CODARDI O DA INCAPACI ED E’ LA SOLUZIONE PEGGIORE E I RISULTATI SONO SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. SE NON SI SA DOVE ANDARE NON SI RAGGIUNGERA’ MAI LA META, SE NON SI FISSANO DEGLI OBIETTIVI NON SI POTRANNO MAI RAGGIUNGERE. NOI ABBIAMO UN TRACCIATO DA PERCORRERE, UNA META DA RAGGIUNGERE E UN OBIETTIVO CHE VI CHIEDEREMO DI CONDIVIDERE. NUOVA PROSPETTIVA I CONSIGLIERI DI MINORANZA CERBINO Anna Pia, GRIMALDI Dorisia, IORIO Antoni